YASHICA MAT 124 G: IT’S GOLD!

Posted on

Tra le migliori biottiche dopo le Rolleiflex, la Yashica Mat 124 G vista da vicino

Tra le biottiche medio formato presenti in circolazione, e non sono affatto poche, la Yashica Mat 124 G rappresenta il “voglio ma non posso” della categoria, offrendo prestazioni ottiche e qualità dello strumento, pur mantenendosi lontana dai costi delle più blasonate Rolleiflex. La Mat 124 è nata infatti in un periodo in cui la produzione delle Rolleiflex era sul finire e la storica casa Yashica propose un’alternativa più economica alle Rollei ma dalle caratteristiche di tutto rispetto.

Molti di quelli che volevano approcciarsi al medio formato e soprattutto all’affascinante formato quadrato 6×6 sono passati per questa biottica ad ottica fissa. La versione G della Yashica Mat 124, ultima versione della serie, sta a indicare che ha i contatti elettronici, pochi, placati in oro, questo per migliorarne l’efficienza e la durata nel tempo. Affidabile, piuttosto leggera e compatta (per modo di dire) e onestamente fatta bene la portano a mio avviso nella top 10 delle biottiche sul mercato.

Yashica 124G – Vista frontale
Yashica 124G – Vista posteriore

Esperienza d’uso – Yashica Mat 124 G

La Yashica Mat 124 G è divertente, operativamente lenta come tutte le biottiche ma da tante soddisfazioni, sia in termini di esperienza d’uso che di resa. Bisogna però concederle delle buone pellicole. Rispetto alle Rolleiflex si percepisce più compatta e meno solida ma anche considerevolmente più leggera, questo nelle lunghe passeggiate non è una cosa da sottovalutare. Otticamente ha poco da invidiare alle più blasonate lenti Zeiss montate in casa Rollei. In termini di nitidezza e contrasto siamo ad alti livelli, il discorso cambia se si valuta la resa generale, infatti le lenti Tessar ma soprattutto Planar delle Rolleiflex hanno un microcontrasto e una tridimensionalità che le contraddistingue. Questo è quello che ho potuto valutare personalmente, ma lungi da me fare commenti troppo tecnici. In ogni caso l’obiettivo, un Yashinon 80 F/3,5 penso su schema Tessar, gode di fama indiscussa e se ne possono leggere le doti in svariati siti più tecnici.


Morale della Favola

Per quello che costa questa macchina fotografica medio formato è eccezionale. Attenzione, non ha gli obiettivi Ziess a corredo o il suo pozzetto non è paragonabile, ne per luminosità, ne per grandezza alle Rolleiflex, ma costa anche 4 o 5 volte meno. Consente di tirar fuori dei negativi di gran pregio, con una portabilità che non fa rimpiangere di averla al collo tutto il giorno. Corpo e meccaniche sono sicuramente più semplici rispetto ad alcune biottiche di maggior prestigio, questo però non toglie nulla alla buona qualità di tutto lo strumento. Inoltre il fatto che la poca elettronica sia stata testata per diversi anni e in quest’ultima serie sia placata in oro ne garantisce l’affidabilità nel tempo e un non so che di chic! L’esposimetro andrebbe utilizzato con batterie da 1,35 volt o eventuali adattatori di tensione. Ho però notato che utilizzando batterie da 1,5 volt lo sfalsamento nel mio modello è pari a 2 stop, per cui riesco a utilizzare la scala 100-1600 asa invece della originaria 25-400 asa.


Scheda tecnica

Tipo: Biottica ad obiettivi fissi

Otturatore: Copal-SV con otturatore centrale

Tempi: da 1 secondo a 1/500 di secondo + posa B

Range ISO impostabili: da 25 a 400 ISO

Mirino A pozzetto con lentino d’ingrandimento attivabile

Esposimetro: Accoppiato con tempi e diaframmi

Batteria: PX 625 da 1,35 volt (le batterie da 1,5 volt tendono a sfalsare la lettura)

Altre funzionalità: Autoscatto, esposimetro sincronizzato, Sincro flash con TRAPPOLA (la leva sincro in posizione M in combinazione ad altri fattori potrebbe far bloccare l’otturatore della Yashica, consiglio di tenerlo sempre in posizione X)


Link Utili


Informazioni Wiki: https://en.wikipedia.org/wiki/Olympus_Stylus_Epic

Come si usa la Yashica Mat 124 G: http://ninoamicofotoblog.blogspot.com/2012/01/manuale-yashica-mat-124-g.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *